Cardinal Baldisseri furthers confusion, says pro-family coalition

FacebookTwitterShare

baldisseri

ROME, 25 January 2015: Comments made by Cardinal Lorenzo Baldisseri have further undermined Church teaching on the indissolubility of marriage says Voice of the Family, an international coalition of pro-family groups.

An international conference, organised by the Pontifical Council for the Family from 22-24 January, was addressed by Cardinal Baldisseri, organiser of the upcoming Synod on the Family. The expressed purpose of the conference was to provide opportunity for around 80 lay groups to assist the PCF provide input into the synod to be held in October 2015.

Baldisseri defended the right of Walter Cardinal Kasper to assert that divorced persons living in unions not recognised by the Church should be permitted to receive Holy Communion. Baldisseri, in response to a concerned pro-family advocate, told delegates that we should not be “shocked” by theologians contradicting Church teaching.  The Cardinal said that dogmas can evolve and that there would be no point holding a Synod if we were simply to repeat what had always been said. He also suggested that just because a particular understanding was held 2,000 years ago does not mean that it cannot be challenged.

Patrick Buckley, international envoy for the Society for the Protection of Unborn Children, commented: “The Church teaching on the indissolubility of marriage is founded on the words of Jesus Christ. These words may have been spoken 2,000 years ago but for Catholics they remain nothing other than the unchanging commands of God.”

Maria Madise, Director of Voice of the Family, said: “Cardinal Baldisseri publicly corrected a delegate who protested about attacks on Catholic teaching. It was noticeable that he refused to do the same when the Church’s teaching on contraception was denied a few moments later by a different delegate. The impression given is that the only sin today is to uphold what the Church has always taught.”

Madise continued: “Everything seemed up for discussion at this conference, including questions already clearly resolved by the magisterium of the Church. Such discussion distracts from the task of finding real solutions to the problems faced by real families. Grave evils such as abortion, euthanasia and attacks on parental rights scarcely featured in discussions. These are some of the key issues also omitted from the final report of the 2014 synod. Suffering families are not assisted by the sophistry of professional dissenters, whether clerical or lay.”

Voice of the Family urges everyone to join us in prayer for a clear reaffirmation of Catholic teaching on marriage and family in any outcome document to be produced by the Pontifical Council following this conference.

In Italian:

ROMA, 25 Gennaio 2015: I commenti del Cardinal Lorenzo Baldisseri hanno ulteriormente minato l’insegnamento della Chiesa riguardo all’indissolubilità del matrimonio, ad affermarlo è Voice of the Family, una coalizione internazionale di gruppi pro-famiglia.

Alla conferenza internazionale, organizzata dal Pontificio Consiglio per la Famiglia, dal’22 al 24 Gennaio è intervenuto il Cardinal Baldisseri, organizzatore del prossimo Sinodo sulla Famiglia. La conferenza mirava espressamente a fornire l’opportunità a 80 gruppi laici di assistere il Pontificio Consiglio per la Famiglia nel fornire suggerimenti per il Sinodo in programma a ottobre 2015.

Il Cardinal Baldisseri ha difeso il diritto del Cardinale Walter Kasper di asserire che i divorziati ricongiuntisi in unioni non riconosciute dalla Chiesa dovrebbero avere il permesso di ricevere la Santa Comunione. Baldisseri, in risposta a un sostenitore pro-famiglia preoccupato, ha comunicato ai delegati che non dovremmo essere “scioccati” dai teologi che contraddicono l’insegnamento della Chiesa. Il Cardinale ha affermato che i dogmi possono evolvere e che sarebbe inutile tenere un Sinodo semplicemente per ripetere quello che è sempre stato sostenuto; ha inoltre suggerito che, per il semplice fatto di esser stato posto 2.000 anni fa, non significa che un paradigma non possa esser messo in discussione.

Patrick Buckley, inviato internazionale della Society for the Protection of Unborn Children (Società per la Protezione dei Bambini Non Nati) ha commentato: “L’insegnamento della Chiesa riguardo all’indissolubilità del matrimonio è fondato sulle parole di Gesù Cristo. Queste parole possono esser state proferite 2.000 anni fa ma per i Cattolici non son null’altro che immutabili comandamenti di Dio”.

Maria Madise, Direttrice del Voice of the Family ha affermato: “Il Cardinale Baldisseri ha pubblicamente corretto un delegato che protestava in merito agli attacchi all’insegnamento Cattolico. È risultato evidente che si sia rifiutato di fare altrettanto quando, pochi istanti dopo, l’insegnamento della Chiesa sulla contraccezione è stato negato da un diverso delegato. L’impressione che si ha avuto è che il solo peccato oggi sia difendere quel che la Chiesa ha sempre insegnato”.

Madise ha proseguito: “Sembrava che a questa conferenza si potesse discutere di tutto, comprese le questioni già chiaramente risolte dal Magisterium della Chiesa. Una simile discussione distrae dal compito di trovare soluzioni reali ai problemi affrontati dalle famiglie reali. I mali gravi come l’aborto, l’eutanasia e gli attacchi ai diritti genitoriali sono stati a malapena sfiorati nelle discussioni. Queste sono alcune delle questioni chiave inoltre omesse dalla relazione finale sul Sinodo 2014. Le famiglie sofferenti non vengono assistite dalla sofisticheria dei dissidenti professionisti, ecclesiastici o laici che siano”.

Voice of the Family esorta tutti a unirsi a noi in preghiera per una chiara riaffermazione dell’insegnamento Cattolico in materia di famiglia e matrimonio in qualsiasi documento che il Pontificio Consiglio produrrà a seguito della conferenza.